Tags

Condividi

Divenire corpi

“Che cos’è il corpo? E come si dà?” è questa la domanda fondamentale che guiderà da gennaio a giugno la rassegna Divenire Corpi, organizzata dal gruppo universitario CinePhilo. I corpi sono oggetti sia biologici sia socialmente costruiti e la messa in scena filmica può aiutare a trattare un dato così ambiguo stimolando l’immaginazione dello spettatore: rimettere in questione “il corpo” al singolare per provare a pensare le differenze dei “corpi”. Al termine di ogni proiezione seguirà un dibattito cui parteciperanno importanti personalità, che porteranno il loro punto di vista sulle questioni sollevate dai film in dialogo con il pubblico. Ingresso euro 4 (euro 3 studenti universitari).

 

 

Laura Bispuri
Vergine giurata

(Italia/Albania/Svizzera/Germania/Kosovo 2015, 90′, DCP, col.)

Hana (Alba Rohrwacher), orfana albanese, vive con la famiglia di un montanaro in un piccolo villaggio. Crescendo sarà spinta a seguire le regole del Kanun, diritto civile parallelo che permette a una donna di autoproclamarsi uomo in caso di mancanza di un figlio maschio nella famiglia in cui è cresciuta: Hana diventa così Mark e assume il ruolo sociale di un uomo. Anni dopo, a contatto con la cultura urbana italiana, si interrogherà su sé stessa e sulla propria identità. Con uno sguardo ipnotico, Laura Bispuri racconta la costruzione sociale del corpo e del genere.

Mar 11, h. 17.00 – ingresso euro 4,00 (euro 3,00 stud. univ.)

Interverranno all’incontro su “Corpo e genere” le professoresse Maria Paola Pierini (storica del cinema) e Federica Turco (semiotica). Modera Alessandra Maglie.