Tags

Condividi

Continuità e trasformazione

Il sentimento di identità si consolida e a volte si trasforma articolandosi nel tempo e nelle vicissitudini della vita. Cosa c’è, cosa cambia e cosa rimane inalterato in ognuno di noi? In quali forme e direzioni? La rassegna proposta dal Centro Torinese di Psicoanalisi in collaborazione con  il Museo del Cinema per l’anno 2019 intende proporre stimoli di riflessione su un tema inesauribile reso più che mai attuale dall’accelerazione dei tempi odierni. Ogni film verrà introdotto da un esperto di cinema e commentato da uno psicoanalista.

 

Éric Rohmer
La mia notte con Maud (Ma nuit chez Maud)

(Francia 1969, 110’, Hd, b/n, v.o. sott.it.)

Michel, un giovane ingegnere, dopo esser vissuto dieci anni in America, ritorna alla natia Clermont-Ferrand. Ritrova un vecchio compagno di scuola, Vidal, che una sera lo porta a casa di un’amica, Maud. Lei, giovane, divorziata e affascinante, partecipa alla discussione che Vidal ha iniziato sull’amore. Vidal torna a casa lasciandoli soli e durante la notte lo scambio di idee tra Michel e Maud continua.

Mer 15, h. 21.00 – Presentazione a cura di Giorgio Astengo