Tags

Condividi

Diabolik e Barbarella

In occasione della mostra Gulp!Goal! Ciak. Cinema e Fumetti (Mole Antonelliana fino al 20 maggio 2009), proponiamo due film legati a due dei personaggi più amati del mondo dei fumetti degli Anni Sessanta: Diabolik e Barbarella.

 

Giancarlo Soldi
Diabolik sono io

(Italia 2019, 78’, DCP, col.)

Distribuito nelle sale da Nexo Digital come evento speciale solo per tre giorni, Diabolik sono io è scritto da Mario Gomboli e ricostruisce la storia editoriale di due giovani ed entusiaste imprenditrici milanesi nei primi anni ‘60, le sorelle Giussani, attraverso i rari materiali d’archivio della casa editrice Astorina.  Il film è attraversato anche da un’indagine avvincente relativa alla misteriosa scomparsa di Angelo Zarcone, il disegnatore del Numero Uno di Diabolik, sparito senza lasciare traccia dopo aver completato le tavole di quel primo albo.

Lun 11/Mar 12, h.18.30/21.00
Mer 13, h.18.30

Prima della proiezione delle ore 21.00 di Martedì 12, incontro con il regista Giancarlo Soldi.

 

Roger Vadim
Barbarella
(Francia/Italia 1968, 98’, HD, col., v.o. sott. it.)

La scomparsa dello scienziato Duran Duran, inventore di un’arma di tale potenza distruttiva da mettere in pericolo interi mondi, allarma i governi dell’anno 40.000. L’astronauta Barbarella, ne segue le tracce fino al famigerato pianeta Sogo. Trasportata in volo dall’angelo cieco Pygar fino al palazzo del Grande Tiranno, scopre che il Grande Tiranno di Sogo è una donna e che il suo consigliere è proprio Duran Duran,

Ven 29, h.20.30

barbarella II

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

barbarella III

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

barbarella IV

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Jane Fonda, reportage sul set di “Barbarella” (Roger Vadim, 1968)

© Angelo Frontoni / Cineteca Nazionale – Museo Nazionale del Cinema