Tags

Condividi

Il cinema di Tsai Ming-liang

In occasione della retrospettiva che gli sarà dedicata a gennaio 2023 al Cinema Massimo, il Museo organizza una tre giorni di omaggio al regista Tsai Ming-liang che sarà a Torino il 6 e 7 dicembre per partecipare a una masterclass e per introdurre il suo film più celebre Goodbye, Dragon Inn recentemente restaurato. Con lui ci sarà il suo attore feticcio Lee Kang-sheng, di cui verrà proiettato il film Help Me Eros.

La prima comparsa in Italia del cinema di Tsai Ming-liang avviene nel 1993 quando, con il suo film d’esordio I ribelli del dio neon, vince il premio per il miglior film al Festival Internazionale Cinema Giovani di Torino. L’anno successivo il film Vive l’amour viene presentato alla Mostra del cinema di Venezia, vincendo il Leone d’oro, mentre con Il fiume vince l’Orso d’argento a Berlino nel 1997 cui fa seguito nel 2013, il Gran Premio della Giuria di nuovo a Venezia con Stray Dogs.

Tsai Ming-liang da allora è diventato una delle figure di punta della seconda ondata del nuovo cinema di Taiwan, quella che ha esordito all’inizio degli anni Novanta. I suoi film, dal rigore bressoniano, vanno sempre a rintracciare i testimoni di una generazione ormai intrappolata e schiava del suo tempo, i piccoli gesti ripetuti, lenti, silenziosi, caparbi ma arresi allo scorrere della vita. Il suo cinema si compone di lunghe inquadrature, narrazioni ellittiche, un approccio pittorico alla luce e al colore, la necessità di interrogare i corpi dei suoi attori collocandoli in spazi di abbandono, in cui la solitudine si impone come la materia più concreta e autentica del suo filmare.

Da sempre attento ai nuovi linguaggi e alle loro potenzialità espressive, è diventato un punto di riferimento anche per l’arte contemporanea con installazioni ed esperienze in VR che sono state accolte nelle gallerie di tutto il mondo. Il suo film Face viene girato quasi interamente all’interno del Louvre di Parigi, su invito diretto del museo che lo ha incluso nel programma “Le Louvre s’offre aux cinéastes”.

 

Tsai Ming-liang sarà a Torino martedì 6 dicembre, dove terrà una Masterclass nell’Aula del Tempio della Mole Antonelliana.

 

 

Tsai Ming-liang
Goodbye, Dragon Inn
(Taiwan 2003, 82’, DCP, col. v.o. sott. it.)

L’ultima proiezione prima che un vecchio cinema chiuda per sempre. Nel cinema un giovane giapponese trova rifugio dalla pioggia scrosciante. La sala è vuota, senza vita, ma ci sono delle presenze oltre ai pochi spettatori. Mentre sullo schermo passa Dragon Inn di King Hu del 1967, il giovane nota due uomini che somigliano agli attori sullo schermo. Sono seduti nel buio del vecchio cinema. Guardano il film, ricordano, rimpiangono il tempo passato. Sono persone vere o sono spiriti che non vogliono andarsene?

Mar 6, h. 20.30 – Al termine incontro con Tsai Ming-liang

 

Lee Kang-sheng
Help Me Eros
(Taiwan 2007, 107’, 35mm, col., v.o. sott. it.)

Ah Jie, agente di borsa, ha perso tutto a causa di un ribasso. Depresso, cerca conforto nella marijuana che coltiva in casa e nel sesso che cerca in strada, in rete e al telefono. Sul marciapiede incontra la bella Shin, che lavora nel betel sotto casa, dall’altra parte del filo lo corrisponde invece la paffuta Chyi, moglie di un cuoco produttivo in cucina e indolente a letto. A un passo dal suicidio, Ah Jie consumerà il suo tempo sospeso tra i fumi dell’erba e l’estasi del sesso.

Mer 7, h. 20.30 – Al termine incontro con Lee Kang-sheng