Tags

Condividi

La crisi dell’auto e il sogno del cinema

Doppio appuntamento a gennaio con gLocal Doc, la rassegna ideata da Piemonte Movie, in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte allo scopo di portare in sala il cinema del reale.

 

 

Michele Mellara e Alessandro Rossi
I’m in Love with My Car

(Italia 2017, 72’, HD, col.)

L’automobile ha segnato più di un secolo di storia umana. Il diffondersi delle quattro ruote ha cambiato il modo di vivere, di nutrirsi e di muoversi. L’auto ha modificato l’essere umano, ha cambiato la sua percezione del mondo. L’uomo, che si è modificato per adattarsi all’autovettura, dovrà però trasformarsi di nuovo. Il modello sociale fondato sull’automobile è in crisi. Inquinamento, crisi economica, aumento dei costi dei carburanti, danni alla salute e affermazione di nuovi modelli di sostenibilità urbana, stanno minando le certezze di questo settore.

Ven 12, h. 20.30 – Prima del film incontro con i registi Michele Mellara e Alessandro Rossi, Paolo Manera, Gaetano Capizzi, Stefano Boni, Enrico Miletto, Donatella Sasso ed Elena Testa. Serata organizzata in collaborazione con Cinemambiente, Archivio del Cinema d’impresa di Ivrea ed Edizioni del Capricorno.

 

Azzurra Fragale e Mauro Corneglio
Cinematografica Perona

(Italia 2017, 41’, HD, col.)

Cuorgnè, Torino. Anni Venti. Le proiezioni prendono vita sul palco del teatro, dalla platea il pubblico partecipa agli inseguimenti dei cowboy. Anni Cinquanta. L’avventura continua in una nuova sala all’avanguardia, dove si alternano passioni, avventure e disegni animati. Anni Settanta. Le proiezioni si trasferiscono al “Margherita”, dedicato alla memoria della nonna: la comunità continua a ritrovarsi e sognare. Il film racconta la storia di una famiglia che da quattro generazioni rinnova la magia del cinema nel Canavese. Prodotto da Collettivo Cromocinque con Fondazione Sviluppo e Crescita CRT e Archivio Mario L. G. Ceretto, nell’ambito del progetto di ricerca KinoCanavese.

Dom 14, h. 20.30 – Prima del film incontro con i registi e Lorenzo Ventavoli