Lotte contemporanee

Tags

Condividi

Lotte contemporanee

Due documentari per protestare contro le ingiustizie sociali che si consumano quasi nell’indifferenza generale, rispettivamente in Messico e in Argentina. Al centro le popolazioni delle aree rurali più povere e i popoli indigeni, spesso privati di ogni diritto.

 

Ludovic Bonleux
Guerrero

(Messico 2017, 115’, DCP, col., v.o. sott. it.)

2014: 43 studenti della scuola per insegnanti di Ayotzinapa a Guerrero, in Messico, vengono rapiti dalla polizia nella città di Iguala. Poche settimane dopo, Juan e i suoi compagni del Guerrero Popular Movement occupano il municipio di Tlapa per protestare contro una situazione che include  le ultime elezioni e organizzare marce e manifestazioni di sensibilizzazione. Coni, Juan e Mario si fanno strada combattendo contro l’impunità e cercando di resistere all’apatia della società in uno Stato che, giorno dopo giorno, diventa più caotico.

Lun 25, h. 20.30 – Al termine incontro con Ludovic Bonleux

 

 

Daniele Incalcaterra
Chaco

(Argentina/Italia/Svizzera 2017, 106’, col., v.o. sott. it.)

Con Chaco prosegue la ricerca iniziata da Incalcaterra con El Impenetrable nel 2012. Qui si racconta il seguito di una storia allo stesso tempo molto personale e totalmente universale, quella di un vasto appezzamento di foresta vergine in Paraguay, ricevuti in eredità dal padre. Un’eredità che potrebbe diventare latifondo, come per buona parte del territorio circostante ma che il cineasta ha deciso di trasformare in un’utopia concreta, destinandola ai nativi Guaranì e alla ricerca scientifica. Impresa apparentemente impossibile anche perché sullo stesso appezzamento vanta diritti un altro proprietario.

Sab 30, h. 18.00 – Al termine incontro con Daniele Incalcaterra