Tags

Condividi

V.O. Il grande cinema in lingua originale

Laurent Cantet
L’atelier
(Francia 2017, 113’, DCP, col., v.o. sott. it.)
Olivia Dejazet è una scrittrice di gialli che tiene un laboratorio di scrittura estivo a La Ciotat. Tra i suoi giovani allievi spicca Antoine, ragazzo introverso e di talento, spesso in rotta con gli altri sulle questioni politiche per le sue posizioni razziste e aggressive. L’atteggiamento di Antoine si fa sempre più violento, finché la situazione sfugge drammaticamente di mano a entrambi.
Gio 30, h. 16.00/18.15/20.30

 

Terence Davies
A Quiet Passion
(Gran Bretagna 2016, 125’, DCP, col., v.o. sott. it.)
Nata nel 1803 ad Ambers nel Massachusetts, Emily Dickinson decide di allontanarsi dal College di Mount Holyoke per non doversi professare cristiana. Da quel momento vivrà nella casa paterna riducendo sempre più le frequentazioni del mondo esterno e dedicandosi alla scrittura. Alcune sue opere vengono pubblicate mentre è ancora in vita anche se l’editore le rimaneggia per farle aderire ai gusti dell’epoca.
Gio 6, h. 16.00/18.15/20.30

 

Todd Haynes
La stanza delle meraviglie (Wonderstruck)
(
Usa 2017, 117’, DCP, col., v.o. sott. it.)
1977, Minnesota. Il dodicenne Ben è preda di un incubo ricorrente in cui viene inseguito da un branco di lupi. Una notte trova il vecchio catalogo di una mostra sulle origini dei musei: i cosiddetti gabinetti delle meraviglie. 1927. New Jersey. Rose è una ragazzina sorda con una passione per un’attrice del muto. Ben e Rose, a distanza di tempo, compieranno lo stesso avventuroso viaggio attraverso New York.
Gio 13, h. 16.00/18.15/20.30


Yorgos Lanthimos
Il sacrificio del cervo sacro (The Killing of a Sacred Deer)
(Irlanda/Gran Bretagna 2017, 121’, DCP, col., v.o. sott. it.)
Steven è un cardiologo: ha una bellissima moglie, Anna, e due figli, Kim e Bob. All’insaputa di costoro, tuttavia, si incontra frequentemente con un ragazzo di nome Martin, come se tra i due ci fosse un legame, di natura ignota a chiunque altro. Quando Bob comincia a presentare strani sintomi psicosomatici, la verità su Steven e Martin viene a galla.
Gio 20, h. 16.00/18.15/20.30

 

Jason Reitman
Tully
(Usa 2018, 94’, DCP, col., v.o. sott. it.)
Divertente commedia sulle gioie e gli ostacoli della maternità. Proprio quando Marlo è al limite delle forze, incapace di donare a ciascun componente della famiglia (tre figli e un marito) le attenzioni di cui ha bisogno, una giovane Mary Poppins in skinny jeans suona alla porta. È Tully, assunta per prendersi cura dei bambini e soprattutto della loro stanchissima madre.
Gio27, h. 16.00/18.15/20.30