Tags

Condividi

Anteprima de Il cielo è mio

I passi di avvicinamento alla decima edizione del concorso cinematografico nazionale Lavori in Corto iniziano con la proiezione in anteprima del documentario Il cielo è mio di Ayoub Naseri. Il film riassume il tema di quest’anno: l’accoglienza come momento nella vita di chi è accolto e come progetto di solidarietà per chi accoglie; temi di cui discuteremo con l’autore. Lavori in Corto 2024 è dedicato a Marina Panarese con il supporto di numerose realtà attive nel sociale e apre la selezione a cortometraggi e documentari brevi di giovani registə, italianə e stranierə di seconda generazione.

Per l’occasione sarà presentato il bando di concorso insieme agli eventi che precederanno le tre giornate finali in ottobre. Il primo premio, come di consueto, è dedicato al regista Armando Ceste nell’anno in cui ricorre il quindicesimo anniversario dalla sua scomparsa.

Info www.amnc.it | info@amnc.it

amnc_logo_cmyk_oriz

 

 

Facebook AssociazioneMuseodelCinema – Lavorincorto |

Instagram @associazionemuseodelcinema – @lavorincorto

 

Il Cielo è mioAyoub Naseri
Il cielo è mio
(Italia, 2023, 65’, DCP, col., v.o. sott. it.)

A seguito della caduta del governo afgano nel 2021, Aziz, un insegnante d’arte, è evacuato con la sua famiglia da un’operazione militare speciale avviata dal Ministero della Difesa italiano. La famiglia arriva nel nostro Paese ed è accolta nell’Abbazia di Mirasole, un monastero del XII secolo. Mentre è in lutto per la patria, Aziz si sforza di migliorare le condizioni di vita per i suoi figli, soprattutto per Erfan, un ragazzino con disabilità. Nonostante le sue condizioni, Erfan non vede l’ora di costruire una nuova vita nella sua nuova casa. Affascinato dalla bellezza dell’Abbazia, sente un profondo legame con l’anima del luogo e le preghiere nascoste che riposano nei muri lo guidano verso un percorso di conoscenza.

Sab 13, h.20.30 – Ingresso libero – Il film è introdotto dal regista Ayoub Naseri, dal Direttore di Lavori in Corto Vittorio Canavese e da Valentina Noya, Vicepresidente dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema.